L’attacco come obiettivo

Una nuova filosofia tattica.
A cura di Giacomo Tibaldi

Mercoledì 23 Novembre 2011, Milano, stadio S.Siro, ore 20:45, partita di qualificazione per gli ottavi di finale di Champion's League che vede fronteggiarsi Milan e Barcellona.

Il mio pensiero viene colpito da un dettaglio: il commentatore tecnico RAI, Salvatore Bagni, si trova in un evidente stato di imbarazzo nel momento in cui gli vengono consegnate le disposizioni tattiche delle due squadre. Per quanto riguarda la formazione ospite il Milan presenta un tipico schieramento con centrocampo a rombo e trequartista a sostegno delle due punte(Ibrahimovic e Robinho). Tuttavia l'imbarazzo del telecronista è dovuto allo schieramento dell'undici catalano: sulla carta il Barcellona si presenta con una linea offensiva composta da quattro attaccanti, tre centrocampisti e solamente tre difensori...

Scarica il documento completo (Pdf)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

3 Comments

  1. Marco Sala says:

    Un commento ben articolato, costruito e soprattutto curato anche dal punto di vista della lingua. Continua così caro il mio Mourinho mantovano!

    Reply
  2. Gabriele says:

    Bell'articolo.... ben scritto e ben progettato... continua così!

    Reply
  3. giova says:

    bravo mister =)

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Hit Counter by http://yizhantech.com/