La programmazione dell'attività di base

A cura di Cristian Ispani (AC Gonzaga)

Scuola Calcio

Le fasi dell’educazione e della crescita socio-sportiva del giovane calciatore

Premessa

Fare calcio negli ultimi anni è diventato molto difficile per vari motivi. Dal punto di vista economico le società sportive risentono della crisi generale e nonostante la generosità degli sponsor rimasti, sono chiamate a grandi sforzi per coprire le innumerevoli spese annue.

A livello motorio e sociale poi, soprattutto nei giovani, il cambiamento è radicale rispetto al passato: telefonini, playstation, internet e nella fattispecie Facebook, hanno di gran lunga preso il sopravvento nei confronti delle ore passate sui campetti a giocare con gli amici, privando così i nostri figlie oltre che di compagnia e di frequentazioni anche di sano movimento.

Nella maggior parte dei casi, infatti, arrivano al campo bambini o ragazzi che hanno nella seduta di allenamento l'unica vera attività motoria della giornata, a noi addetti ai lavori non basta più quindi avere tempo e passione, ma ci vediamo costretti ad organizzare e programmare al meglio il poco tempo che abbiamo a nostra disposizione anche in ogni più piccolo particolare per consentire loro proposte adeguate ad una crescita corretta e progressiva in ogni categoria e fascia d'età.

[…] Continua. Leggi il documento completo in Pdf

 

 

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

0 Comments

Be the first to post a comment.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Hit Counter by http://yizhantech.com/